D14005

ITALERI

M.A.S. 563/568 WITH CREW ITALERI 1:35

M.A.S. 563/568 WITH CREW Descrizione CONTIENE 6 FIGURINI - FOTOINCISO - ACETATO TRASPARENTE - VITI, CORDE & ACCESSORI La Regia Marina Italiana, sin dalla Prima Guerra Mondiale, ha prestato una grande attenzione allo sviluppo di piccole e rapide imbarcazioni armate generalmente di siluri. I motoscafi armati siluranti, più conosciuti con la sigla MAS, erano imbarcazioni di diretta derivazione civile. Nel corso della Prima Guerra Mondiale i risultati ottenuti sono stati assolutamente significativi con l’affondamento, dal parte del Comandante Luigi Rizzo, delle corazzate della Marina Austro-Ungarica Wien e Szent István. Nonostante fossero adatti a mari chiusi e poco mossi come l’Adriatico, la Marina Italiana continuò a lavorare per migliorare le prestazione dei piccoli ma veloci mezzi siluranti. I MAS 500, dotati dei nuovi motori a benzina Isotta-Fraschini, più potenti ed affidabili, realizzati nel corso della Seconda Guerra Mondiale, vennero impiegati sia come siluranti sia come piattaforme antisommergibile destinati al lancio di bombe di profondità. Potevano raggiungere una velocità massima di ben 45 nodi ed erano armati con due siluri da 450 mm. ITALERI SCALA 1:35

Ancora nessuna recensione qui!

Non è disponibile alcun allegato!


Prodotti correlati

S.L.C. Maiale with crew  Italeri 5621 SCALA 1:35

ITALERI

S.L.C. Maiale with crew Italeri 5621 SCALA 1:35

S.L.C. Maiale with crew Descrizione FOTOINCISO - 2 NUOVE FIGURE - FOGLIO ISTRUZIONI A COLORI MINE NON INCLUSE Sulla base delle esperienze ed i successi della Regia Marina Italiana nella Prima Guerra Mondiale, nel 1935 Teseo Tesei ed Elios Toschi idearono e perfezionarono progressivamente il Siluro a Lenta Corsa (S.L.C.) che sarà più noto come “Maiale”. Il siluro modificato per permettere di essere guidato in immersione da due operatori muniti di respiratori aveva lo scopo di trasportare sotto la chiglia della nave ormeggiata una testata esplosiva ad elevato potenziale. I siluri avevano una velocità limitata ed erano dotati di un sistema di guida. Le batteria che alimentavano il motore elettrico garantiva un’autonomia di 12-15 miglia. La più nota impresa degli incursori della Regia Marina avvenne il 19 dicembre del 1941. Trasportati dal sommergibile “Scirè”, gli S.L.C. affondarono nel porto di Alessandria d’Egitto le navi da battaglia H.M.S. Valiant e H.M.S. Queen Elisabeth della Royal Navy Britannica. la scatola contiene il maiale con le fotoincisioni e due figurini da assemblare Italeri scala1:35