Soldatini plastica e metallo


French Hussars Italeri 1/72

ITALERI

French Hussars Italeri 1/72

French Hussars Italeri 1/72 cod. 6008 Descrizione Il termine “ussaro” identifica il prototipo del soldato di cavalleria leggera e deriva dall’ ungherese “huszar”. I più celebri reparti di ussari furono i reggimenti francesi del periodo napoleonico. Impiegati per compiti di ricognizione, collegamento e schermo per mascherare i movimenti dei corpi di armata dell’Imperatore, come durante l’avanzata che ha portato all’aggiramento del generale austriaco Mack ad Ulm nel 1805. I soldati del kit sono rappresentati con l’uniforme del 1.mo Ussari impiegato a Jena nel 1806 e sono caratterizzati dall’elaborata uniforme all’ungherese, dalla sabretache, da sciabole e carabina
MiniArt 35393 "Market Garden" Netherlands 1944 Scala 1/35

MINIART

MiniArt 35393 "Market Garden" Netherlands 1944 Scala 1/35

MiniArt 35393 "Market Garden" Netherlands 1944 Scala 1/35. Winston Churchill, colpito dall'azione svolta dalle forze aviotrasportate tedesche a Creta nel 1941, portò alla formazione delle prime unità aviotrasportate britanniche. La prima unità di questo tipo fu il reggimento paracadutisti e la prima operazione fu effettuata dai paracadutisti britannici nel 1942. Un anno prima fu costituita la 1a Divisione Paracadutisti e due anni dopo (nel 1943), la 6a Divisione Paracadutisti. Vale la pena aggiungere che accanto a queste due divisioni c'era anche la 2a Brigata Paracadutisti Indipendente formata nel 1942. Entrambe le divisioni di paracadutisti britanniche avevano da quattro a cinque brigate di fanteria con paracadute e alianti e unità di supporto, come truppe anticarro, una sottounità di carri armati leggeri o unità di ingegneria e genieri. Le truppe paracadutiste britanniche combatterono sia durante i combattimenti in Nord Africa (1942-1943), durante lo sbarco in Sicilia e nel sud Italia (1943), sia durante i combattimenti in Normandia (1944) o durante la fallita Operazione Market-Garden (1944). Furono utilizzati anche durante le forzature del Reno (1945) e negli ultimi combattimenti in Germania. Operazione Market Garden fu giocato dal 17 al 26 settembre 1944 negli odierni Paesi Bassi. Circa 85.00 persone furono coinvolte nell'operazione dalla parte alleata, inclusa la 1a Brigata Paracadutista Indipendente polacca, sotto il comando del generale Stanisław Sosabowski. Vale la pena aggiungere, tuttavia, che il numero dei militari coinvolti nell'operazione è talvolta stimato e riportato in vari modi. Anche le forze tedesche direttamente e indirettamente coinvolte nell'operazione sono stimate tra le 70.000 e le 100.000 persone. Il principale iniziatore di questa operazione fu il maresciallo britannico Bernard Law Montgomery, che cercò di impadronirsi dei ponti nei Paesi Bassi che portavano al cuore industriale della Germania - l'area della Ruhr - ed entrare nel Terzo Reich da nord, ponendo così fine alla seconda guerra mondiale come appena possibile. La chiave del successo dell'operazione, in particolare, è stata la rapida cattura dei ponti sul Reno intatti. L'operazione è stata gravata da rischi considerevoli sin dall'inizio e ha presupposto un piccolo margine di errore. Gli oppositori sono comparsi anche tra gli ufficiali britannici. Tuttavia, Montgomery convinse il comandante supremo alleato nel teatro di guerra dell'Europa occidentale - il generale DD Eisenhower - a farlo, il che segnò l'inizio dell'operazione. Nonostante i successi iniziali, l'operazione si concluse con una completa sconfitta (contrariamente a quanto detto in seguito) da parte di Montgomery e perdite elevate per gli Alleati. Il simbolo della sconfitta dell'intera operazione fu, prima di tutto, la battaglia di Arnhem (17-25 settembre), che si concluse con la ritirata della 1a divisione d'élite britannica di paracadutisti, che nel corso di questa battaglia fu quasi completamente distrutta dall'esercito tedesco. Le perdite totali degli Alleati sono stimate in circa 15.000-17,00 uccisi, feriti e catturati. I tedeschi hanno perso - secondo varie stime - da circa 3.500 a circa 13:00 persone.

NAVI IN LEGNO


HMS VICTORY Corel: kit di montaggio in legno 25004scala 1:98

COREL

HMS VICTORY Corel: kit di montaggio in legno 25004scala 1:98

Nave inglese di 1 rango del 1805.La nave ammiraglia HMS Victory e' rimasta famosa nel tempo per una delle piu' celebri battaglie navali della storia moderna combattuta il 21 ottobre 1805 presso il capo di Trafalgar, tra la flotta inglese dell'ammiraglio Nelson e quella franco-spagnola. Accuratamente restaurata nell'attrezzatura e nella colorazione originale, la Victory, trasformata in un museo e' attualmente esposta in un bacino asciutto a Portsmouth. La nostra riproduzione si avvale di un piu' rigoroso posizionamento delle sovrastrutture di coperta e dei particolari esterni della murata, nonche' di una fedele alberatura, in base ai piani originali britannici. Un completo rifacimento grafico e un nuovo dettagliatissimo opuscolo di istruzioni in quattro lingue, fanno di questo modello un'opera abbordabile anche dal modellista non eccessivamente esperto. Caratteristiche tecniche del prodotto: Scala: 1:98 Altezza: 715 mm Lunghezza: 1035 mm
AMATI HUNTER Q-SHIP – MODELLO IN LEGNO – 1450 SCALA 1:60

AMATI

AMATI HUNTER Q-SHIP – MODELLO IN LEGNO – 1450 SCALA 1:60

HUNTER Q-SHIP Amati: kit di montaggio in legno AM 1450, modellino navale in scala 1:60 varata agli inizi del 1900 come nave da carico ed utilizzata come nave da carbone durante i periodi di pace. In dotazione della Marina Mercantile Inglese acquistata dalla Royal Navy per via della robustezza e delle ottime qualità nautiche adatte a navigare i mari del Nord Il nome Q-ship deriva dal cantiere Queenstown dove venne modificata durante il periodo bellico con l’aggiunta di armi, la sua conformazione strutturale rese possible il mascheramento delle armi in dotazione inoltre le pareti della falsa cassa come quelle della falsa cabina potevano essere smontate e poste nella stiva attraverso il boccaporto. Nella scatola di montaggio sono presenti tutti gli accessori ben rifiniti, il legname è di qualità mentre i piani di costruzione sono dettagliati e in multilingua con molte tavole illustrate. E’ sicuramente un modello navale ben curato di media difficoltà per il modellista appassionato di questo tipo di imbarcazione.

Accessori e materiale per modellismo


Kit aerei in plastica varie scale


Italeri 1306 JAS 39 GRIPEN SCALA 1/72

ITALERI

Italeri 1306 JAS 39 GRIPEN SCALA 1/72

Italeri 1306 JAS 39 GRIPEN SCALA 1/72. Il Saab JAS-39 Gripen è un caccia multiruolo svedese monomotore con un design ad ala media a forma di anatra. Nel 1980, il governo svedese ha adottato una risoluzione per avviare un programma di ricerca volto a sviluppare un successore del velivolo AJ-37 Viggen. Il progetto tecnico è stato eseguito nel giugno 1981. Dopo l'approvazione, il partito di governo ha emesso un ordine nel maggio 1982 per lo sviluppo di prototipi e la produzione di 140 JAS-39 Gripen ("Gryf"). Tre mesi dopo sono iniziati i test flight-by-wire del sistema di controllo elettrico (fly-by-wire) su un Viggen appositamente adattato. I lavori sui prototipi iniziarono nel 1984. Il primo lasciò l'aula magna il 26 aprile 1986. A causa di molte difficoltà con il sistema di controllo, il volo non ha avuto luogo fino al 9 dicembre 1988, 18 mesi dopo la data prevista. Al suo sesto volo, il 2 febbraio 1989, Gripen si piegò a sinistra quando si avvicinava e si scontrò con la sua ala contro la pista. La causa dell'incidente è stata l'eccessiva sensibilità di questo sfortunato sistema "fly-by-wire". Fino al giugno 1991 sono stati testati altri tre prototipi, sui quali sono stati testati il sistema di controllo migliorato, i sistemi di navigazione e le armi, nonché il motore e l'avionica. Il disastro agli spettacoli dell'8 agosto 1993 ha causato ulteriori modifiche, questa volta al software del sistema di controllo. Il 4 marzo 1993 è stato testato il primo seriale JAS-39A (versione monoposto). È stato consegnato alle forze armate svedesi l'8 giugno 1996. In totale, entro la fine del 1996, l'aviazione svedese dispone di 30 aerei "Gripen" A. Attualmente sono in corso test intensivi, che coinvolgono voli con angoli di attacco elevati. È inoltre prevista l'introduzione di una versione più recente del software del sistema di controllo cablato in tutte le macchine utilizzate e prodotte in futuro. Nel luglio 2002, 122 aerei Gripen erano stati consegnati a Flygvapnet. Il 6 settembre 2002 è stato consegnato il primo JAS-39C Gripen. Dati tecnici (versione JAS-39C): lunghezza: 14,1 m, apertura alare: 8,4 m, altezza: 4,5 m, velocità massima: 2200 km/h, portata massima: 3200 km, soffitto massimo 15200 m, armamento: fisso - cannone singolo Mauser BK-27 calibro 27 mm, sospeso - solitamente 6 missili AIM-9 Sidewinder.
AIRFIX MESSERSCHMITT BF110E TROP- MODELLO IN PLASTICA DA COSTRUIRE- A03081A SCALA 1:72

AIRFIX

AIRFIX MESSERSCHMITT BF110E TROP- MODELLO IN PLASTICA DA COSTRUIRE- A03081A SCALA 1:72

1/72 Messerschmitt Me-110E Trop Il Messerschmitt Bf 110, indicato successivamente anche come Messerschmitt Me 110, fu il primo Zerstörer ("distruttore"), caccia bimotore multiruolo ad ala bassa prodotto dall'azienda tedesca Messerschmitt AG. Fu utilizzato principalmente dalla Luftwaffe, durante la seconda guerra mondiale. Nonostante alcune difficoltà operative, il Bf 110 Zerstörer rimase per tutto il conflitto il caccia pesante tedesco standard e uno dei progetti maggiormente cari al Reichsmarschall Hermann Göring ed al Generaloberst Ernst Udet; dimostrò inoltre di avere un elevato potenziale di sviluppo. Nelle versioni da cacciabombardiere effettuò migliaia di missioni di attacco al suolo e anti-nave su vari fronti. Il Bf 110 è ricordato soprattutto per aver abbattuto migliaia di bombardieri alleati, specie nella difesa aerea del Reich, sia nel ruolo d'intercettore diurno che nelle versioni da caccia notturno.

KIT NAVI PLASTICA


Trumpeter 05762 USS Alabama (BB-60) SCALA 1/700

TRUMPETER

Trumpeter 05762 USS Alabama (BB-60) SCALA 1/700

Trumpeter 05762 USS Alabama (BB-60) SCALA 1/700. La USS Alabama (BB-60) era una corazzata americana impostata nel 1940, varata nel febbraio 1942 e messa in servizio nella Marina degli Stati Uniti nell'agosto 1942. La nave era lunga 210 m, larga 33 m e il suo dislocamento a pieno regime - al momento del varo - 44.500 tonnellate. La velocità massima della corazzata USS Alabama era fino a 27,5 nodi. L'armamento principale era di 9 cannoni da 406 mm in tre torrette da tre cannoni ciascuna, e l'armamento secondario consisteva principalmente di 20 cannoni da 127 mm. La USS Alabama era la quarta e ultima corazzata della classe South Dakota. Questo tipo di navi è stata una delle prime moderne navi della Marina degli Stati Uniti del periodo della seconda guerra mondiale. Durante la loro costruzione, l'accento è stato posto su una migliore armatura rispetto alle corazzate di classe North Carolina, ma con lo stesso armamento principale e la stessa velocità massima. Anche la potenza della sala macchine è stata notevolmente aumentata ed è stata migliorata la protezione antisiluro dello scafo. La USS Alabama entrò in operazioni di combattimento nella seconda guerra mondiale nel 1943, inizialmente operando come parte della flotta domestica britannica nel Nord Atlantico, ma dal novembre dello stesso anno la nave prestò servizio nel Pacifico. All'inizio del 1944, la USS Alabama supportò l'Operazione Flintlock, ovvero gli sbarchi americani nell'area delle Isole Marshall, e poco dopo svolse un ruolo di copertura in una squadra di portaerei le cui azioni erano rivolte alla Carolina. Nel giugno 1944, la USS Alabama partecipò molto attivamente alla battaglia del Mar delle Filippine, operando fino a novembre dello stesso anno nelle Filippine. Nel maggio 1945, la nave agì ancora una volta da copertura per la squadra della portaerei ad alta velocità e supportò le operazioni a Okinawa e contro le restanti isole dell'arcipelago Ryukyu. La USS Alabama (BB-60) è stata dismessa nel 1947 e funge da nave museo dal 1964.
Ijn aircraft carrier akagi battle of midway limited edition Hasegawa

HASEGAWA

Ijn aircraft carrier akagi battle of midway limited edition Hasegawa

Ijn aircraft carrier akagi battle of midway limited edition Hasegawa 1:350. Akagi era una portaerei giapponese la cui chiglia fu posata nel 1920, varata nel novembre 1925 e commissionata alla Marina imperiale giapponese nel marzo 1927. La nave era lunga 260,7 m, larga 31,3 m e il suo dislocamento totale era di 41.300 tonnellate. La velocità massima della portaerei Akagi era di circa 30-31 nodi e il suo armamento principale consisteva in 91 aerei a bordo. In origine, Akagi, come un'altra portaerei giapponese, Kaga, era stata costruita come nave di linea nell'ambito del programma di espansione della flotta "8 + 8", ma a causa degli impegni internazionali del governo di Tokyo, i lavori furono interrotti e lo scafo doveva essere demolito. Alla fine, tuttavia, si decise di costruire una portaerei sullo scafo in gran parte finito, cosa che effettivamente accadde. Al momento dell'entrata in servizio, Akagi aveva ben tre ponti di volo, ma con lo sviluppo della tecnologia aeronautica si decise di ricostruirla completamente, cosa che ebbe luogo nel 1935-1938. Di conseguenza, la forma dello scafo fu radicalmente modificata e fu preservato un solo ponte di volo. Durante la seconda guerra mondiale, Akagi prese parte all'attacco a Pearl Harbor nel dicembre 1941 e combatté nell'arcipelago di Bismarck all'inizio del 1942 sostenendo lo sbarco di Rabaul. Nell'aprile di quest'anno ha anche preso parte al famoso raduno della flotta giapponese nell'Oceano Indiano. Prese parte anche alla battaglia di Midway (giugno 1942) dove fu affondato da aerei di bordo americani.

KIT SPAZIO - TELEFILM


Macchine radiocomandate elettriche e a scoppio


TRAXXAS RUSTLER 4X4 ULTIMATE BRUSHLESS STADIUM TRUCK – 67097-4 BLU SCALA 1:10

TRAXXAS

TRAXXAS RUSTLER 4X4 ULTIMATE BRUSHLESS STADIUM TRUCK – 67097-4 BLU SCALA 1:10

Traxxas Rustler 4x4 Ultimate Brushless ESPERIENZA DEFINITIVA CON QUESTO STADIUM TRUCK Rustler® 4X4 VXL ha rivoluzionato l'esperienza degli Stadium Truck con il suo telaio molto resistente e la trazione integrale. Rustler 4X4 VXL Ultimate lo porta al livello ancora più alto, con più forza, più tecnologia e più divertimento! Dotato di oltre 400€ in parti optional premium, Rustler 4X4 VXL Ultimate è come se fosse uno Stadium Truck completamente nuovo. Scopri l'apice delle prestazioni degli Stadium Truck con Rustler 4X4 VXL Ultimate.
Himoto: Colorado Crawler 2CH 1:10 4WD 2.4GHz RTR - 70634G - VERDE

HIMOTO

Himoto: Colorado Crawler 2CH 1:10 4WD 2.4GHz RTR - 70634G - VERDE

COLORE VERDE - Rok Crawler COLORADO Himoto 4wd 1:10 RTR. Finalmente per voi modellisti scalatori di rocce il modello tanto atteso Rock Crawler Himoto qualita' prezzo imbattibile modello interamente assemblato, per la sua elasticita' e con la sua grinta raggiunge posti in cui altri non possono, con le sue immense ruote supera qualsiasi ostacolo, e per la sua velocita'niente riesce a fermarlo Come potete vedere dalle foto il telaio è in alluminio, garantita l'alta qualita' che lo rende duro e compatto a qualsiasi urto , riuscendo a superare anche le superfici piu' percorsi piu' tortuosi, come rocce ,massi ,ghiaia e muri. I suoi quattro ammortizzatori ad olio in alluminio gli permettono di regolare l'altezza e la sua struttura metallica garantisce materiale di alta' qualita'. Risponde ai comandi con la piu'alta possibilita' di torsione e viene riconosciuto con il grado piu' alto di angolatura e l' ottima qualita' di materiale con cui viene prodotto. Viene venduto in versione RTR (completo all’uso) curato in ogni particolare, bello per quanta riguarda la parte estetica, ideale per chi ha voglia e/o curiosità di provare un modello nuovo dalle prestazioni stupefacenti grazie al motore RC540 e regolatore 320A Waterproof WP-1040 2-3S Lipo 5-9 cells NiMh di massima affidabilità Si presenta agile e scattande completo di radiocomando 2.4 ghz (ricerca automatica di frequenza senza mai più problemi d'interferenze) batteria 2000mAh 7,2V e caricabatteria , un servo da 9kg sviluppato proprio per spostare le grandi ruote anche in dure posizioni. il modello con predisposizione per montaggio servo secondario sulla parte posteriore, monta trascinatori con esagono 12mm. Cosa molto importante, offre innumerevoli possibilita' di regolazioni dell'assetto (convergenza , camber, recupero). -LUNHEZZA: 455MM -LARGHEZZA: 455MM -ALTEZZA: 265MM -ALTEZZA RUOTE 315MM -TRAZIONE 4WD -4 RUOTE MOTRICI -MOTORE ELETTRICO : RC_540 -BATTERIA 2000 MAH DA 7.2V -ESC 320A AUTOPROGRAMMABILE -Rapporto di trasmissione: 1:48 -CARROZZERIA GIA' RITAGLIATA E VERNICIATA -AUTOMODELLO CUSCINETTATO E GIA MONTATO -SERVO 9KG -PESO 2400G.

GUNPLA


RX-0 Unicorn Gundam (Destroy Mode) FULL PSYCO-FRAME PROTOTYPE MOBILE SUIT- Bandai 5057399 - SCALA 1/144

BANDAI

RX-0 Unicorn Gundam (Destroy Mode) FULL PSYCO-FRAME PROTOTYPE MOBILE SUIT- Bandai 5057399 - SCALA 1/144

Bandai 5057399 - HGUC 100 1/144 RX-0 Unicorn Gundam (modalità distruzione) - La modalità Unicorn Gundam Destroy e la modalità Unicorn vengono entrambe rilasciate contemporaneamente! La modalità Unicorn Gundam Destroy è la numero 100 di HGUC - Eliminando l'espediente di trasformazione tra la modalità unicorno e la modalità distruzione, è stata ottenuta una qualità e una proporzione superiori. - La cornice Psycho è formata con materiale trasparente, per un'enfasi sulla trasformazione. - L'uso del nuovo tipo polycap consente una maggiore gamma di posa. - Ha una mobilità pari a MG, anche se è HGUC 1/144! - Include: Scudo (stato aperto) x1, Beam Saber (senza raggio) x2, Beam Magnum x1

TRENI


RIVAROSSI FS LOCOMOTIVA E636 378 DCC SOUND EP. V – HR2937S SCALA H0

RIVAROSSI

RIVAROSSI FS LOCOMOTIVA E636 378 DCC SOUND EP. V – HR2937S SCALA H0

Locomotiva elettrica E636 FS di 3a serie senza gocciolatoi frontali in livrea Isabella in epoca V. Deposito locomotive di Genova Brignole. Pantografi tipo 42LR. Modello digitale con decoder DCC sound già installato di serie in fabbrica. 3rd series E636 FS electric locomotive without front drip rails in Isabella livery in epoch V. Genoa Brignole locomotive depot. 42LR type pantographs. Digital model with DCC sound decoder already installed as standard in the factory.

KIT MACCHINE


HASEGAWA SUBARU IMPREZA “1994 HONG KONG RALLY WINNER” – 20589 SCALA 1:24

HASEGAWA

HASEGAWA SUBARU IMPREZA “1994 HONG KONG RALLY WINNER” – 20589 SCALA 1:24

La Subaru Impreza è un'autovettura giapponese presentata per la prima volta al pubblico nel 1992. La sua produzione in serie è iniziata un anno dopo ed è tuttora in corso. La produzione avviene principalmente negli stabilimenti della città di Ota, in Giappone. Subaru Impreza è stata sviluppata e messa in produzione per sostituire i modelli Leone nell'offerta dell'azienda. Rispetto al suo predecessore, offriva ai passeggeri un comfort di viaggio molto maggiore, era anche caratterizzato da uno stile molto cambiato, meno "spigoloso" e da una gamma di motori più ampia, che comprendeva unità con una capacità da 1,5 a 2,5 litri. Subaru Impreza è stata offerta in diverse versioni di carrozzeria, come: berlina a 2 e 4 porte, station wagon a 5 porte o hatchback a 5 porte. L'auto ottenne rapidamente un notevole successo di mercato, grazie alle sue unità motrici di successo, all'affidabilità e alla capacità di trasferire la trazione su tutte le ruote, il che migliora notevolmente le proprietà di trazione di questo modello. Vale la pena aggiungere che i modelli dell'Evento offerti sul mercato europeo, giapponese e americano differiscono notevolmente, soprattutto quando si confrontano i motori. Finora sono state create cinque generazioni di questo modello, l'ultima delle quali è stata presentata nel 2016. Subaru Impreza ha gareggiato con successo e sta ancora prendendo parte ai rally automobilistici, ottenendo molti successi in essi.
Fujimi 039305 Nissan Skyline GT-R KPCG1

FUJIMI

Fujimi 039305 Nissan Skyline GT-R KPCG1

Fujimi 039305 Nissan Skyline GT-R KPCG1 kit di montaggio in Scala 1/24 in plastica. Nissan Skyline è un'autovettura giapponese, che durante la storia della sua produzione è stata classificata in: vettura compatta, vettura di taglia media e vettura di fascia medio alta. auto esecutiva compatta ). L'auto debuttò sul mercato nel 1957 e la sua produzione è tuttora in corso. Nella generazione che è stata introdotta sul mercato nel 2014. l'auto è lunga 479 cm, larga 182 cm, con un passo di 285 cm. Il veicolo presentato fu inizialmente prodotto dalla Prince Motor Company, ma al momento della loro fusione con Nissan nel 1967, l'auto iniziò a essere prodotta con il nome di Nissan Skyline. Vale anche la pena aggiungere che l'ingegnere che in precedenza ha lavorato negli stabilimenti della Prince Motor Company è stato la persona che ha esercitato la maggiore influenza sullo sviluppo di questa vettura Shinichiro Samurai. Si presume che abbia influenzato direttamente o indirettamente le soluzioni tecniche del modello Skyline fino alla sua morte nel 2011! Cronologicamente, la prima generazione dell'auto è stata prodotta tra il 1957 e il 1964 e può essere classificata come un'auto piuttosto lussuosa alimentata da motori con una capacità di 1,5 o 1,9 litri. Col tempo - e con l'introduzione delle generazioni successive - la Skyline divenne sempre più sportiva, come già si vede nei modelli 1968-1972, soprattutto nell'esempio della coupé 2 porte. Le innovazioni per il modello Skyline sono considerate le versioni lanciate nel 1977 (C211 e CG211), che avevano un motore a 6 cilindri completamente nuovo. Dal 2014 è disponibile sul mercato l'ultima versione del modello Skyline, che utilizza motori a combustione da 2,0 e 3,0 litri come unità di propulsione, oltre a un motore ibrido da 3,5 litri. Indubbiamente, per la sua lunga storia e per i vantaggi tecnici, il modello Skyline si è guadagnato il nome di "auto di culto".